Italia, le migliori gite naturalistiche in Lombardia

0
2

La Lombardia non è solo terra di grandi città ed industrie: basta cercare bene per trovare una grande varietà di location che permettono di dedicarsi a gite naturalistiche grazie a cui rilassarsi e immergersi nella natura, con gli amici o in famiglia: l'importante è stare all'aria aperta.

Si potrebbe iniziare, per esempio, dal parco della valle del Curone, in provincia di Lecco: tanti boschi e una fitta rete di sentieri che si scoprono tra i paesi della Brianza lecchese. Vere e proprie perle come Montevecchia e Missaglia, ma anche Cernusco Lombardone e Osnago, tra colline dolci e aziende agricole che permettono di assaporare le delizie più genuine del territorio. A seconda della propria inclinazione a camminare, è possibile scegliere percorsi più o meno lunghi, in salita o in discesa, dal Lissolo al santuario di Montevecchia, passando per il roccolo di Missaglia e le molteplici cascine in cui ci si può imbattere. Le piante di rosmarino che fanno da contorno a ogni passeggiata rendono questa esperienza indimenticabile anche per i suoi profumi.

Per chi vuole salire in quota ed è disposto a percorrere qualche chilometro in più, invece, la destinazione ideale è la Val Masino, in provincia di Sondrio: una valle che dà vita a uno spettacolo unico, con falesie estremamente ripide che costituiscono un richiamo per i climber più esperti. In inverno come in estate, questa meta offre sempre scorci unici, ed è perfetta anche per le famiglie con bambini: la camminata, infatti, è agevole e alla portata di tutti. Tra un cespuglio di mirtilli e un laghetto dall'acqua immacolata che accoglie girini e molti altri esemplari di fauna acquatica, la natura mette in mostra meraviglie incredibili, a poco meno di due ore di distanza da Milano.

I Piani di Artavaggio sono consigliati, invece, per gli appassionati di trekking. Se si ha a disposizione un intero fine settimana, il consiglio è quello di giungere da queste parti il sabato, così da poter dormire una notte in rifugio per poi rimettersi lo zaino in spalla il mattino successivo. La scarpinata da cui si è attesi è piuttosto impegnativa, ma la fatica viene ripagata dalla bellezza del contesto. Dall'arrivo della funivia di Moggio si può puntare verso il rifugio Nicola, che si trova a quasi 2mila metri sul livello del mare, ma non c'è da preoccuparsi, in quanto la salita è davvero dolce, al punto che la si può percorrere senza difficoltà anche in sella a una mountain bike. Insomma, una mulattiera decisamente pratica: per chi vuole organizzare la gita in compagnia di uno o più bambini piccoli, comunque, è sempre preferibile ricorrere a un passeggino tecnico, o - meglio ancora - a un normale zaino porta bimbo. Per un pranzo al sacco le panchine non mancano, ma all'arrivo della funivia ci sono numerosi bar e alberghi che offrono tutto ciò di cui si potrebbe aver bisogno per rifocillarsi. La grande radura è ottima per sdraiarsi sull'erba, godersi un buon libro o prendere il sole.

In questa rassegna di mete consigliate per una gita naturalistica in Lombardia non si può fare a meno di menzionare il lago di Como, con i suoi innumerevoli borghi che si affacciano sia sul ramo lecchese che su quello comasco. Si potrebbe iniziare da Valmadrera, là dove numerose salite nei boschi consentono di ammirare il Lario dall'alto: da qui, proseguendo in direzione di Oliveto Lario, si può giungere in auto, dopo una serie di tornanti non troppo impegnativi, a Bellagio, là dove i due rami si incontrano. Non ci si dovrà stupire della quantità di turisti stranieri in cui ci si imbatterà da queste parti, visto che si tratta di una meta conosciuta in tutto il mondo: ma tra vicoli e scalinate, ville e ristoranti di lusso, ci sono anche sentieri che permettono di immergersi nella natura più incontaminata. Per quel che riguarda il ramo lecchese, invece, località come Bellano e Mandello del Lario, ma anche Lierna e Varenna, sono perfette per chi ha voglia di concedersi una giornata in spiaggia o un tuffo nelle acque del lago.

Infine, l'ultima proposta che si può prendere in considerazione è quella di recarsi in un parco avventura come quello di Selvino, in provincia di Bergamo: si tratta di un'occasione da non perdere per instaurare un rapporto diretto con la natura, attraverso una serie di percorsi caratterizzati da livelli diversi di difficoltà e, proprio per questo motivo, adatti anche ai bambini. Un pizzico di coraggio non guasta, e in più se ne può approfittare per fare movimento fisico e dire addio allo stile di vita sedentario che troppo spesso contraddistingue le nostre giornate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here